Amo Travel precedentemente noto come Amo Vietnam

Homestays vietati in Birmania

I viaggiatori alla ricerca di una stanza in Birmania dovranno guardare per i suoi alberghi, perché il governo del paese vieta homestays, nel tentativo di preservare i costumi locali. 

highlights-of-myanmar-asia-5

La popolarità nuova della Birmania ha lasciato il paese in una crisi di alloggio. Il desiderio diffuso di visitare il paese ha superato la sua capacità di ospitare estremamente e la sua infrastruttura sta lottando per far fronte. Nella ex capitale, Rangoon, ci si trovano soli 8.000 camere d’albergo e il resto del paese offre meno di 20.000. Al contrario, l’anno scorso un milione di turisti hanno visitato la Birmania.

I locali offrono una stanza per inquilini come una soluzione, tuttavia questo sarà vietato presto per il fatto che i visitatori non seguono costumi sociali della Birmania. U Htay Aung, Ministro alberghiero e del turismo ha descritto i costumi degli stranieri come “non accettabili”. Ha detto: “. I visitatori non seguono correttamente costumi di Myanmar, come dormire con la testa ad est, e non si piace lo stile Birmano di mangiare, ad esempio una famiglia utilizzando solo uno cucchiaio per mangiare da un piatto unico di minestra”. Il Ministro ha aggiunto che nelle zone rurali dove non ci sono alberghi si fanno eccezioni per i visitatori.

photo-1474336281154-2a69f8e2a7a4

Secondo il legge, chi visita Birmania e soggiorna in alberghi deve registrarsi con le autorità locali; alcuni dicono che la decisione è stata anche influenzata dalla volontà del governo di tenere traccia dei viaggiatori.

 

Rispettiamo la cultura e la regola del governo birmano, penso che potremo prenotare i homestays ma è meglio e piu’ facile farlo con l’aiuta con un’agenzia di viaggio. Conttarci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Sign up for the Amotravel Newsletter...
Copyright 2017 Amotravel. All rights reserved.